La compagnia francese, ultima arrivata tra le più importanti compagnie telefoniche, è il primo operatore 5G in Italia riuscendo a vincere l’asta nel nostro paese. Iliad si è aggiudicata una porzione di 10 Mhz nella banda da 700 Mhz con un offerta di 675 milioni di euro approfittando di una normativa inserita nel bando dell’asta.

Perchè è importante per le compagnie telefoniche arrivare prima al 5G?

Lo stato Italiano sta rilasciando molti finanziamenti per progetti che hanno come obiettivo sviluppare oggetti e applicazioni per l’industria 4.0. Da anni si parla dell’industria 4.0 e dell’internet of Things (internet delle cose), praticamente tantissimi oggetti di uso quotidiano come il frigorifero, il microonde, il forno e tantissime altre cose.. verranno sostituiti dai nuovi arrivati dell’industria 4.0 e avranno rispetto ai precedenti, funzionalità aggiuntive come connessione ad internet e possibilità di controllare l’oggetto a distanza. Con il 5G, questo futuro che sembra fantascienza, diventerà realtà, con tanti nuovi rischi, pericoli e problemi da risolvere!

Presto scriverò un articolo in cui parlerò di questo argomento in modo più approfondito e lo inserirò proprio qui, allegandolo anche un video di youtube.

Nel frattempo iscrivetevi al canale YouTube cliccando qui per non perdervi i prossimi video.

Approfondimenti

Il 5g di Iliad è previsto per il 2020. Al bando hanno partecipato: Telecom, Wind-Tre, Vodafone, Fastweb, Open Fiber, Linkem e Iliad. Il bando prevede lo sviluppo di una propria struttura tecnologica di trasmissione per il 5G, Open Fiber e Linkem non hanno presentato alcun progetto al riguardo e per questo sono stati esclusi  dal bando. Iliad si è approfittata di una norma che gli ha permesso di aggiudicarsi di diritto una porzione della banda da 700 Mhz, ambita sopratutto da Tim e Vodafone. Tim ha anche depositato un offerta formale da 80 milioni di euro per le bande da 3,6 e 3,8 Ghz, nel Frattempo le altre mirano ad aggiudicarsi i lotti per la banda da 26 Ghz.

 

Grazie per aver letto il nostro articolo, se ti è stato di aiuto offri un Caffè all’ autore cliccando su questo link, oppure condividi questo articolo sui social, da parte nostra sarà ugualmente apprezzato.

Questo elemento è stato inserito in News e taggato , .